Che senso ha studiare in questa situazione?

Che senso ha studiare in questa situazione? Che suggerimenti ci danno le nostre discipline per vivere pienamente oggi?
Domande lecite, che affiorano spesso nel dialogo con i nostri studenti.
Accettiamo la sfida, innanzitutto noi docenti, e la lanciamo a tutti coloro che volessero condividere le loro riflessioni sul nostro sito, studenti e genitori.
Prende la parola per prima la preside Giulia Regoliosi, la nostra classicista.
Il pensiero degli antichi

Mi pare che nella nostra vita di ora possiamo trarre qualche riflessione dal pensiero degli antichi, soprattutto di quelli che più tendevano alla ricerca del senso del vivere.

Il tempo

Una prima riflessione riguarda l’idea di tempo: il greco usa due parole, chronos e kairòs. Chronos indica lo scorrere del tempo, ed è quello scorrere che oggi ci sta mettendo  a disagio, perché è troppo lento per il venir meno di molti impegni, molti rapporti, molte abitudini, troppo veloce perché ci è difficile regolare gli impegni nuovi, inusuali, privi come siamo di ritmi e scadenze abituali che ci incanalino. Capiamo così l’importanza di porci delle regole, come per i ragazzi l’appello della mattina a cui tutti sono sempre presenti, senza i soliti ritardi dalle molte giustificazioni. Kairòs  è invece il momento particolare, l’occasione spesso imprevista, faticosa ma preziosa: ecco, stiamo vivendo un kairòs.

La pazienza

Una seconda riflessione, che si riallaccia alla precedente, riguarda la pazienza. Il greco usa il termine tlemosyne, che indica la capacità di aspettare l’occasione, di reggere (la radice è la stessa del portare) la fatica dell’attesa, anche l’inattività se necessario. E’ la dote di Ulisse, chiuso nella caverna di Polifemo  coi compagni che sono preda del mostro, fino al momento più adatto per agire, perché agire prima sarebbe incoscienza e rovina. E’ anche la dote che gli dèi donano agli uomini insieme al dolore, come dice Archiloco ai suoi concittadini oppressi dalla morte di molti dei loro cari.

Infine vorrei citare un passo del Critone di Platone. Socrate è in carcere in attesa dell’esecuzione e il suo più affezionato discepolo va a trovarlo pieno di sollecitudine e di buone intenzioni, chiedendogli di rinunciare ai princìpi e ai valori sempre professati.  Ma Socrate lo richiama: “Tutte quelle cose su cui eravamo d’accordo in precedenza  in questi pochi giorni sono scivolate via, e da un pezzo, o Critone, mentre da adulti parlavamo seriamente fra noi non ci siamo accorti di comportarci come bambini? O a maggior ragione le cose stanno come ci dicevamo allora?” Il dialogo si conclude dopo che il discepolo accoglie la lezione del maestro: “E allora lascia stare, Critone, e agiamo così, perché così Dio ci guida”.