Licei – “Il compito del poeta, il racconto dell’eccezionalità”

“Il poeta non è chi scrive dei propri sentimenti, ma chi ubbidisce all’esigenza e alla responsabilità di riportare a tutti l’eccezionalità di ciò che ha visto”.

Quello con il poeta e scrittore Daniele Mencarelli non è stato un semplice incontro ma un dialogo che ha coinvolto i ragazzi di quinta dei Licei Classico e Scientifico. Un dialogo tra l’autore del romanzo “La casa degli sguardi” e gli studenti costruito sul confronto tra il suo libro e i testi di alcuni autori incontrati nella prima parte dell’anno.

Le numerose domande poste a Mencarelli hanno portato ad approfondire l’esperienza della scrittura: la parola, per lo scrittore, è già dentro la realtà e questa parola trascrive lo sguardo di chi ha visto la profondità. Il poeta non è dunque chi scrive dei propri sentimenti, ma è chi ubbidisce all’esigenza e alla responsabilità di riportare a tutti l’eccezionalità di ciò che ha visto.

(Gabriele Bravi e Filippo Perri)

Qui di seguito il video integrale dell’incontro di martedì 22 ottobre 2019

Infanzia – C’era una volta…

C’era una volta…

La nostra Scuola dell’Infanzia bilingue ha scelto per quest’anno di lavorare sul tema della narrazione, attraverso la lettura e la drammatizzazione di alcune favole. La prima con cui hanno iniziato è La tartaruga e la lepre!

Vai alla Gallery

Primaria – Vivere come i Camuni

Vivere come i Camuni per conoscere la loro storia e il loro modo di vivere la quotidianità. Questo è quanto hanno vissuto le classi terze della nostra Scuola Primaria in occasione dell’uscita didattica del 10 ottobre in Val Camonica.

La prima tappa è stata la visita al Museo didattico d’arte e di vita preistorica incentrato sull’antica popolazione dei Camuni a Capo di Ponte. La visita è stata guidata dall’archeologo Priuli, il quale ha mostrato strumenti e armi usati dagli uomini primitivi e raccontato le loro modalità di vita. Gli antichi Camuni erano uomini molto ingegnosi, usavano la selce per creare le punte di frecce e lance e per accendere il fuoco. Grazie alle immagini presenti sulle incisioni rupestri si è scoperto che erano in grado di usare il telaio e siamo stati in grado di ricostruirlo. Successivamente le guide hanno portato i ragazzi al Parco di Seradina per vedere le incisioni rupestri.

Nella seconda parte della giornata le classi sono andate all’Archeopark, un parco archeologico enorme in cui è stato ricostruito un intero villaggio Camuno. Qui, dopo aver visitato alcune palafitte, gli studenti sono saliti sopra una zattera e hanno attraversato da un capo all’altro il laghetto lì presente. La gita si è conclusa con il laboratorio di battitura del rame. A ciascun alunno è stato consegnato un disco di rame e un sasso e bisognava trasformare il disco in una piccola ciotola battendolo con il sasso. Le classi si sono immedesimati totalmente nella realtà Camuna e hanno fatto esperienza di come vivevano gli antichi Camuni.

Guarda la Gallery dell’Uscita didattica

 

Educare ancora – Incontro con S.E. Mons. Camisasca

L’incontro con S.E. Mons. Massimo Camisasca è stata l’occasione per rimettere al centro il decisivo e affascinante compito di Educare ancora. Un dialogo, quello tra il vescovo di Reggio Emilia-Guastalla e genitori e insegnanti della Fondazione Grossman e della scuola la Zolla, che ha permesso di condividere alcune riflessioni su questo compito che non può che nascere dalla passione per la vita e dall’amore per i ragazzi.

In una testimonianza assolutamente personale, don Massimo, come ama essere chiamato, ha delineato alcuni punti essenziali dell’educazione, a partire dal rapporto tra libertà e autorità. Sino ad arrivare ad affrontare la centralità di una compagnia che permetta ai ragazzi di fare esperienza della realtà secondo la totalità dei suoi fattori. Una compagnia preziosa anche per noi adulti.

Davvero tanti gli spunti da approfondire nei prossimi mesi nell’attesa, speriamo, di poterlo rincontrare.

Rivedi il video integrale dell’incontro

Secondaria – Trento: forma funzione senso

Le classi seconde della scuola Secondaria di I Grado si sono recate in uscita didattica a Trento per approfondire la conoscenza della realtà a partire dall’osservazione della forma.

La visita al MuSe (Museo delle Scienze) e il lavoro di disegno scientifico hanno permesso di scoprire in che modo la natura genera le proprie forme in relazione ad una specifica funzione. Allo stesso tempo il lavoro di osservazione, descrizione e disegno proposto al Duomo e al percorso espositivo di Arte Sella si è rivelato decisivo per accedere al valore comunicativo della forma.

Guarda il video e vai alla Gallery

Secondaria – Giornata al Parco del Ticino

Le classi prime della Scuola Secondaria hanno trascorso una giornata al Parco del Ticino, facendo scuola attraverso una modalità inusuale e non frontale.

Nelle settimane prima dell’uscita, era stato introdotto il metodo di studio di Geografia come risorsa per conoscere il territorio e sapersi in esso orientare. A questo approccio si è affiancata la proposta di Educazione Fisica che, attraverso una modalità pratica, ha agevolato la possibilità di ampliare questi aspetti con brevi percorsi nel strade del quartiere.

Nel corso dell’uscita i ragazzi si sono messi alla prova con piccoli gruppi in un percorso di orienteering nel Parco del Ticino. Così hanno potuto verificato cosa sia necessario fare per collocarsi e riconoscere la propria posizione nel territorio. Il tutto con il solo ausilio della cartina e la bussola, spostandosi e percorrendo un tracciato completamente nuovo.

È stata inoltre proposta la discesa in gommone di una parte del fiume Ticino. Anche questa attività ha inteso ampliare la conoscenza reciproca degli alunni, riconoscendo le caratteristiche del fiume quali la direzione, portata, volume dell’acqua e flora e fauna ad esso legate. Inoltre, abbiamo inteso sottolineare che in un’attività guidata quale il rafting, in cui vigono regole comuni e condivise che, sfruttando le caratteristiche dell’acqua unite al movimento della pagaia, consentono di poterlo navigare. Tale sottolineatura è stata molto rilevante perché paradigmatica di ciò che può accadere anche in classe, dove ciascuno è chiamato a dare il proprio contributo per la costruzione comune della lezione.

È iniziata l’avventura e siamo tutti pronti a navigare!

(I docenti di Educazione Fisica)

Vai alla Gallery della giornata al Parco del Ticino

Primaria – Giornata di convivenza

“Non è sufficiente spalancare gli occhi, ma occorre capire ciò che si vede”. Questa la frase scelta dalla scuola Primaria della Fondazione per la sua giornata di convivenza. Un momento in cui tutti gli alunni delle elementari si sono recati alla Cascina Linterno al Parco delle Cave per vivere una giornata insieme e accogliere i nuovi arrivati.

Dopo il racconto “Michelino e la Luna” inscenato da alcuni insegnati, i bambini hanno svolto dei giochi a staffetta e cantato in compagnia. Infine i bambini di prima, chiamati per nome, hanno ricevuto una medaglia con la frase dell’anno e l’immagine di Millet “Chiaro di Luna”.

Vai alla Gallery della Giornata

Liceo Classico – L’inizio di un cammino

Un momento per festeggiare insieme l’inizio di un cammino ma soprattutto l’occasione per accogliere al meglio i nuovi studenti del primo anno. Per fare questo il Liceo Classico della Fondazione Grossman si è recata alla Sacra di San Michele, in Val di Susa. Un luogo unico dove poter ammirare la bellezza dell’opera umana e del paesaggio che la Sacra domina. La visita è stata accompagnata da spiegazioni e si è conclusa con giochi ideati e preparati dai ragazzi stessi.

Vai alla Gallery per rivedere le immagini e guarda qui il video della giornata.

 

Liceo Scientifico – Giornata Inizio Anno

“In ogni istante siamo liberi di decidere chi vogliamo essere, cosa vogliamo costruire, chi ci conviene seguire, per quale scopo impegnare le nostre energie, a chi desideriamo offrire la nostra amicizia… Vi auguro di iniziare quest’anno scolastico con questa consapevolezza e con quella baldanza che fa dire eccomi! subito dopo aver riconosciuto di esserci (Io sono). Siate presenti, fatevi presenti agli adulti che vi sono maestri, con le vostre domande, il vostro lavoro, le vostre scoperte”.

(Dalla lettera del Rettore ai ragazzi dei Licei per l’inizio dell’anno scolastico 2019/2020)

Mercoledì 2 ottobre il Liceo Scientifico ha vissuto la giornata di inizio anno, accogliendo in particolare i ragazzi delle classi prime nella Fondazione Grossman. In mattinata ragazzi e docenti hanno visitato la Sacra di San Michele nel torinese. Luogo tra i più caratteristici della cristianità medievale in Italia, con pitture e un’architettura gotica che sono parte del percorso storico e artistico del biennio. A seguire, una guida locale ha descritto la geomorfologia della valle, a completamento del percorso informativo iniziato a scuola circa la tematica della TAV.

Il preside Bergamaschi ha iniziato la giornata sottolineando come valga la pena impegnarsi nel lavoro didattico per diventare protagonisti consapevoli della realtà. È stato significativo cominciare tutti insieme, perché la conoscenza non può avvenire come fenomeno solitario ma solo dentro a una comunione e una compagnia di giovani ed educatori appassionati nella ricerca della verità. E allora è stato evidente che in una giornata di festa quale quella di oggi non ci sia frattura tra la proposta didattica e il gioco, perché la vita è una e noi vogliamo essere uniti davanti a tutto.

Vai alla Gallery per guardare le immagini e qui di seguito il video

EDUCARE ANCORA

“L’educazione è il momento che decide se noi amiamo abbastanza il mondo da assumercene la responsabilità e salvarlo così dalla rovina, che è inevitabile senza il rinnovamento, senza l’arrivo di esseri nuovi, di giovani”. (Hannah Arendt)

Questa frase di Hannah Arendt lancia a noi adulti una grande sfida di fronte alla realtà attuale: prendere coscienza della responsabilità educativa che ci è affidata. L’incontro Educare ancora con S. E. Mons. Massimo Camisasca (Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla), realizzato in collaborazione con La Zolla, vuole affrontare questo tema partendo dal suo Discorso tenuto alla città di Reggio Emilia il 24 novembre scorso (Scarica qui il documento).

Vi aspettiamo lunedì 14 ottobre alle ore 21 presso il Teatro Stella, via Giovanni Pezzotti 53 Milano.