Primaria. Settimane della lettura

Si sono da poco concluse le Settimane della lettura, un evento diventato ormai irrinunciabile per la Scuola primaria della Fondazione Grossman.

Ogni giorno, durante le settimane centrali di aprile, le classi hanno partecipato a laboratori, incontri, attività e appuntamenti i cui protagonisti sono stati i libri e i fantastici mondi che ruotano loro intorno. È bello leggere ed è bello ascoltare chi legge: si incontrano storie, personaggi e luoghi, si creano legami stretti e si diventa tutti un po’ più ricchi di esperienze.

Nel video un breve racconto delle iniziative proposte a tutte le classi.

Primaria. Negli occhi di Van Gogh

Le tre classi quinte si sono recate al Mudec in visita alla mostra “Van Gogh pittore colto” per osservare dal vero le sue opere e seguirlo nel cammino di artista e uomo.

Attraverso un percorso cronologico e tematico, l’esposizione mette in luce il rapporto tra il fare pittorico e la profondità della dimensione culturale dell’artista, permettendo ai bambini di capire che il fare artistico autentico scaturisce da un interesse personale per il mondo, e che l’opera d’arte nasce da un rapporto profondo con ciò che circonda e interessa l’artista.

Avendo gustato la materia delle sue opere così vibrante di vita, gli studenti sono poi stati pronti a proseguire a scuola il lavoro di conoscenza del mondo attraverso la rappresentazione di paesaggi e ritratti, imparando dal grande maestro.

“Con un quadro vorrei poter esprimere qualcosa di commovente come la musica. Vorrei dipingere uomini e donne con un non so che di eterno, di cui un tempo era simbolo l’aureola, e che noi cerchiamo di rendere con lo stesso raggiare, con la vibrazione dei colori[…]. Ah il ritratto, il ritratto che mostri i pensieri, l’anima del modello: ecco cosa credo debba vedersi”. (Arles, 3 settembre 1888)

Dopo aver osservato e descritto le opere d’arte, i ragazzi hanno scelto uno dei cieli notturni di Van Gogh e si sono cimentati in una riproduzione personale che mantenesse le proporzioni e la tecnica attraverso una costruzione spaziale e una stesura vibrante del colore.

In seguito, hanno scelto diversi ritratti e autoritratti dell’autore lasciandosi colpire dall’espressività degli sguardi e si sono concentrati sulla resa degli occhi così carichi di mistero attraverso il raggiare del colore.

La conoscenza di questo autore è stata il ponte di passaggio tra il lavoro in parallelo di arte, italiano e scienze sull’universo svoltasi nel corso della prima parte dell’anno scolastico e quello sulla figura umana che occuperà questa seconda parte con accento particolare sullo studio del volto che sfocerà per ciascuno nel proprio autoritratto.

Primaria. Il circolo letterario

La casa sull’albero, Pollyanna, Agura Trat di Dahl e storie per chi ne vuole di Piumini sono solo alcuni dei titoli emersi durante il Circolo letterario della classe 2^A della Scuola primaria.

Un viaggio alla scoperta di storie fantastiche, misteri irrisolvibili e mondi fatati guidati dai giovani lettori che con passione realizzano la loro personale recensione dell’ultimo libro letto, il tutto incalzati dalle domande dei loro compagni desiderosi di comprendere meglio la trama, il genere letterario e anche la lunghezza del libro.

Un circolo letterario non può dirsi però tale se non è frequentato da colti ed eleganti soci, che sfilano quindi a presentare il loro libro esibendo giacche, cravatte, papillon, gonne e abiti eleganti.

L’incontro decisivo tra i ragazzi e i libri avviene sui banchi di scuola. Se avviene in una situazione creativa, dove conta la vita e non l’esercizio, ne potrà sorgere quel gusto della lettura col quale non si nasce perché non è un istinto. (Gianni Rodari, Grammatica della fantasia)

Primaria. Musical “The wizard of Oz”

Preparatevi a essere trasportati nel mondo incantato del nostro spettacolare musical The wizard of Oz realizzato dagli studenti delle classi terze della nostra scuola primaria!

Attrici e attori hanno lavorato sodo e con passione per portare sul palco una versione unica e coinvolgente del musical The wizard of Oz che vi lascerà senza fiato! Un progetto multidisciplinare che ha coinvolto inglese, musica e italiano e ha dato vita a un’esperienza didattica fondamentale per i nostri bambini.

Tre sono gli spettacoli che si terranno presso l’Aula Magna della nostra scuola:

  • classe 3^ C: 18 marzo, h 14.30/15.15
  • classe 3^ B: 18 marzo, h 15.15/16.00
  • classe 3^ A: 25 marzo, h 15.15/16.00

Per partecipare è necessaria la prenotazione (clicca QUI)

Vi aspettiamo numerosi per un pomeriggio di musica, teatro e divertimento!

Scarica la locandina

Chi sono io? Chi sei tu? – Dialogo sull’educazione affettiva

La Fondazione Grossman è lieta di invitarvi all’incontro “Chi sono io? Chi sei tu?” che si terrà mercoledì 31 gennaio alle ore 18.00 in presenza e in streaming sulla piattaforma Zoom. Il dottor Luca Luigi Ceriani, pedagogista e psicoterapeuta, affronterà il tema dell’educazione affettiva nella pre-adolescenza.

Sono particolarmente invitati a partecipare a questo appuntamento i genitori con figli nella fascia d’età dai 10 ai 14 anni, nel quale il relatore, consulente della nostra e di altre importanti scuole, condurrà il dialogo sull’importanza dell’educazione affettiva e sulla sua incidenza nella formazione dei giovani. Vi aspettiamo numerosi su Zoom, prenotazione obbligatoria (clicca qui).

Open Day. Contenti di imparare

Lo scorso sabato, le Scuole dell’infanzia e primaria hanno aperto le porte a genitori e bambini per gli Open Day! Un’occasione speciale sia per le nuove famiglie in cerca di una scuola accogliente e stimolante, sia per le nostre maestre.

Genitori e bambini hanno avuto l’opportunità di immergersi nella nostra realtà educativa, esplorando la scuola attraverso gli occhi e i lavori degli studenti e Il dialogo con le docenti e le direttrici che ha permesso di approfondire la proposta formativa. Per il personale docente della Fondazione è stata un’opportunità unica per riscoprire la passione del fare scuola, radicata in una storia educativa di oltre 70 anni.

Nel corso della mattinata, le famiglie dell’infanzia sono state spettatrici della drammatizzazione del libro “La strega Rossella”, messo in scena dai bambini di 5 anni. Successivamente, hanno preso parte a laboratori creativi. Alla primaria, i visitatori sono stati immersi in tre laboratori ideati per dare un assaggio del nostro approccio didattico innovativo. Inoltre, hanno avuto l’opportunità di esplorare le aule e visitare mostre dedicate ai singoli anni di scuola.

Grazie a tutti coloro che hanno reso questo Open Day indimenticabile! Se non avete avuto l’opportunità di partecipare, non esitate a contattarci per ulteriori informazioni e scoprire come la nostra scuola può essere la scelta ideale per la crescita e l’apprendimento dei vostri piccoli.

Primaria. A Christmas Carol

Durante l’ultima settimana di scuola, le classi quinte della Scuola primaria hanno presentato, prima agli amici più grandi della secondaria e dei licei, poi ai loro genitori, infine agli altri bambini della Scuola primaria, i canti che hanno accompagnato la drammatizzazione basata su “A Christmas Carol” di Dickens, un classico della letteratura natalizia.

Si è trattato del risultato finale di un progetto interdisciplinare che ha impegnato i bambini e i loro insegnanti nella realizzazione di un vero e proprio musical, in cui si sono cimentati sia con la parte recitata sia con la parte cantata, tutto rigorosamente in lingua inglese.

La calorosa accoglienza ricevuta da tutti coloro che hanno avuto la fortuna di poter ascoltare i loro canti o assistere all’intero spettacolo, li ha certamente ripagati del grande impegno con cui hanno lavorato per arrivare, pronti e lieti, all’appuntamento con un pubblico così vario e vasto.

E come recita la battuta conclusiva del musical: “Merry Christmas, merry Christmas everyone!”

Primaria. Il significato dell’Avvento

Per introdurre i bambini al significato dell’Avvento e accompagnarli a vivere con consapevolezza questo periodo,  abbiamo invitato Padre Marco Finco che ci ha consegnato alcune parole da custodire in vista del Natale. L’Avvento è l’attesa di un Evento, che misteriosamente è già accaduto ed è presente.

Così ha avuto inizio il cammino di questo importante periodo liturgico, che anche attraverso altri appuntamenti ci ha visti tutti riuniti in corridoio per la presentazione del gesto del Presepe Vivente di sabato 16 dicembre. Ai bambini sono stati presentati i personaggi nei quali saranno chiamati ad immedesimarsi.

L’incontro è stato inoltre arricchito dalla lettura di brani di Vangelo relativi alla Natività e dai canti che saranno intonati durante il Presepe Vivente.

Primaria. Qua qua attaccati là

Giovedì 9 novembre 2023 le classi terze si sono riunite in aula magna, dove ad attenderli c’erano le loro maestre che, con l’aiuto di altri colleghi, si sono cimentate come attrici nella messa in scena di una famosa fiaba di Italo Calvino: Qua qua attaccati là.

Ancora una volta, attraverso la drammatizzazione, i bambini, in qualità di spettatori e a tratti anche di protagonisti, sono stati introdotti in quella che sarà la grande proposta didattica di quest’anno scolastico: le fiabe.

Primaria. Lo studio delle discipline

C’è qualcosa o qualcuno che ci fa appassionare alle cose?

Nelle classi terze della scuola primaria si è deciso di introdurre lo studio delle discipline attraverso l’incontro con uomini e donne, che hanno fatto della propria passione un mestiere.

Un mese di incontri dedicati alla Storia, alla Scienza e alla Religione per scoprire di avere tra le mani il capo di un gomitolo che viene da molto lontano.

Insieme a Padre Marco Finco ci siamo chiesti cosa c’è all’inizio di tutto, imparando come la Creazione risponda ad un disegno molto più grande di noi, che ci dona il significato di tutto. Abbiamo capito come la scienza e la fede siano due lenti fondamentali ed entrambe necessarie per guardare la realtà tutta intera, senza censurare nulla di quel che c’è.

Ci siamo addentrati nel passato con la guida esperta del preside del Liceo classico, Francesco Mauro, che, insieme a una sua studentessa di quinta, ci ha svelato che si può capire la storia solo se c’è qualcuno che ce la racconta adesso, in questo momento, nel presente: solo così, fatti accaduti in un tempo lontanissimo riescono a entrare in relazione con noi. La curiosità del passato si rivela la porta d’ingresso per abitare un luogo che ci è familiare e in cui possiamo scoprire meglio chi siamo.

Dal passato all’ultra-passato fino a quattordici miliardi di anni fa con la nascita dell’Universo: insieme alla professoressa di fisica Francesca Farina abbiamo fatto un viaggio fantastico nello spazio, esplorando galassie, stelle nane bianche,  supernove e comete fino a scoprirci piccolissimi, un granello di sabbia rispetto all’immensità dell’Universo, un granello di sabbia che, però, fin dall’antichità, scrutando il cielo stellato, si è chiesto il motivo di tanta meraviglia e si è mosso a indagarlo con ogni mezzo a sua disposizione. Segno della capacità tutta umana di guardare, osservare e saper gustare il grande spettacolo del cielo.

Solo attraverso l’incontro la conoscenza si svela come una questione di amicizia, un “fare amicizia con le persone e le cose”.