Primaria. Facciamo Pasqua con Cristo!

Seguendo l’augurio del Papa: “Facciamo Pasqua con Cristo! Egli è vivo e ancora oggi passa, trasforma, libera”, i bambini della Scuola primaria hanno realizzato originali reinterpretazioni del pavone, simbolo cristiano della vita eterna e della bellezza senza fine che nasce dalla resurrezione di Cristo.

I ragazzi di quarta e quinta hanno realizzato un papier decoupage: dapprima hanno preparato le carte pitturate con le sfumature del pavone da cui trarre in seguito le sagome da decorare preziosamente e sovrapporre. Il ricco piumaggio della coda del pavone esce volutamente dal supporto “sfondando” lo spazio del limite della morte e suggerendo così uno spazio che non finisce e va oltre…quello della vita eterna. Ciascuno, seguendo il metodo proposto con cura, ha saputo personalizzare il lavoro che è risultato unico come unici sono gli autori. Nel modo in cui sono stati accostati i puntini delle decorazioni, nel tipo di tratto, nei colori scelti da accostare e nel modo con cui comporre le sagome, è emerso ciascuno per come è, unico e prezioso.

I bambini di seconda e terza, dopo aver osservato alcuni esempi di mosaici bizantini per capire al meglio il significato del simbolo del pavone, hanno preparato le carte pitturate con le varie sfumature che sarebbero servite a tutti per creare i tasselli necessari a comporre il mosaico. Un lavoro in cui era richiesta concentrazione, cura e pazienza e i bambini ci hanno stupito perché, avendo capito l’importanza di quello che stavano facendo, l’hanno portato a termine con tenacia e passione anche aiutandosi tra loro.

Che bellezza guardare tutte insieme le realizzazioni dei nostri bambini!

Vai alla Gallery

Primaria. Aspettando la Pasqua

In questo periodo di Quaresima abbiamo proposto ai bambini della Scuola primaria alcuni gesti per scandire il tempo che porta alla Pasqua e aiutarli a capire il significato della Passione, Morte e Resurrezione di Gesù.

Il percorso è stato introdotto da padre Marco venerdì 3 marzo e, nei venerdì successivi, ci siamo ritrovati tutti insieme nel nostro corridoio per meditare, aiutati dai quadri di Giotto, su alcuni passi del Vangelo dall’ingresso di Gesù a Gerusalemme fino all’incontro di Maria Maddalena col Signore fuori dal sepolcro scoperchiato.

La Quaresima è anche un periodo di rinuncia, così abbiamo chiesto liberamente ai bambini di rinunciare alla propria merenda del venerdì per donarla a padre Marco che, ogni domenica mattina, la distribuisce ai più bisognosi.

Vai alla Gallery

G-club… un mondo di attività

Tre volte a settimana 140 studenti della Scuola primaria si fermano al termine dell’orario scolastico per frequentare il G-club. Una proposta lanciata due anni fa dalla Fondazione per rispondere alle esigenze delle famiglie e offrire agli studenti un pomeriggio stimolante in continuità ideale con il percorso scolastico.

Al termine delle lezioni gli iscritti al G-club mangiano insieme in mensa, giocano in cortile e poi si recano in aula dove  fanno i compiti e frequentano i laboratori differenziati per età. Se vuoi saperne di più, guarda il video racconto di un anno di G-club

Primaria. Visita alla Scala: rapiti dalla Bellezza

Eccoci finalmente davanti al Teatro alla Scala: il tempio della musica lirica milanese, famoso in tutto il mondo. Occhi sgranati, immersi in un rispettoso, ma ormai incontenibile mormorio di stupore, un centinaio di bambini di Quarta e Quinta, elegantissimi, sono in trepidante attesa di poter sperimentare personalmente ciò a cui erano stati introdotti dai propri insegnanti nelle settimane precedenti.

La voce di Giacomo si erge squillante, esclamando: “Stamattina mia mamma mi ha detto di guardare anche per lei!”. Si, in effetti abbiamo visto qualcosa di davvero speciale: di più, abbiamo fatto l’esperienza dello stupore di un incontro con la bellezza di un luogo e di un momento indimenticabili.

Un’opera lirica – tratta da Il piccolo principe – messa in scena per la prima volta, certo non immediata nel linguaggio, ma che i bambini e gli accompagnatori, sparsi tra palchi e platea, hanno potuto gustare grazie al prezioso lavoro preparatorio svolto dagli insegnanti di musica circa il linguaggio lirico e dagli altri docenti quanto alla storia messa in scena. Le meravigliose voci bianche del Coro della Scala – formato da bambini poco più grandi di loro -, le straordinarie scenografie e… l’interno del Teatro! Quasi due ore immersi in una Bellezza che ha parlato da sé e che ci ha letteralmente rapiti.

Vai alla Gallery

Presepe vivente. Gaudete Christus est natus

Gaudete Christus est natus: con questo canto si è concluso il Presepe vivente realizzato da Fondazione Grossman e parrocchia San Leonardo Murialdo. Circa mille persone tra genitori e nonni della scuola, parrocchiani e passanti curiosi hanno camminato per le vie del quartiere fermandosi davanti alle quattro scene rappresentate dagli studenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria e dai ragazzi del catechismo.

Il gesto, condiviso tra scuola e parrocchia, ha testimoniato che Natale significa camminare insieme alla ricerca di Colui che colma la nostra sete di significato e ci rende desiderosi di costruire un mondo nuovo per tutti.

Vai alla Gallery

Presepe vivente – sabato 17 dicembre ore 10.30

Sabato 17 dicembre dalle 10.30 alle 12.30 si terrà il Presepe vivente, organizzato e proposto da Fondazione Grossman e Parrocchia San Leonardo Murialdo.
 
La frase tratta dal Vangelo di Matteo Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo descrive bene l’intento che ci muove: camminare insieme alla ricerca di Colui che colma la nostra sete di significato e ci rende desiderosi di costruire un mondo nuovo per tutti.
 
Per questo il Presepe si snoderà lungo le strade intorno alla scuola e alla chiesa, così da raggiungere gli abitanti della zona e invitarli a camminare con noi.
 
L’evento avrà inizio presso l’oratorio San Leonardo Murialdo, con ingresso da via Inganni 16, e si concluderà presso il cortile della Fondazione Grossman.
Vi aspettiamo!

Avvento. Tempo di attesa, certezza e domanda

Il percorso di Avvento proposto ai bambini della Scuola primaria si sta rivelando una preziosa opportunità di fare esperienza, attraverso gesti ed incontri mirati che scandiscono l’attesa del Natale, del significato di ciò che sta accadendo in questo tempo ricolmo di speranza e di domanda.

Come ci ha infatti ricordato padre Marco incontrando le classi prime e seconde e successivamente le classi terze, quarte e quinte, l’Avvento è attesa desiderosa di Colui che viene tra noi; certezza che rende l’attesa gioiosa grazie alla consapevolezza che ciò che aspetto esiste davvero e arriverà nuovamente tra noi; domanda a Uno che c’è, che conosco e che mi ama ed al quale posso dunque rivolgere fiducioso la mia preghiera.

Accompagnati dai propri insegnanti, il percorso dei bambini continua attraverso tre momenti:

  • la visita al capolavoro di Raffaello esposto al Museo Diocesano per i bambini delle classi terze, quarte e quinte;
  • la visita al presepe biblico di Baggio, per le classi prime e seconde;
  • l’incontro con Andrea Giussani, grande amico della nostra scuola che ci racconterà e proporrà l’esperienza del Donacibo.

Il percorso di Avvento culminerà infine col gesto del Presepe vivente del 17 dicembre, capace di far immedesimare con il cuore del Natale tutti i bambini, veri e propri protagonisti coinvolti anche nella preparazione di costumi e canti.

Vai alla Gallery

Primaria. Arriva La fabbrica di cioccolato! 

Alla scuola primaria della Grossman arriva La fabbrica di cioccolato! Il 28 ottobre è stata una giornata davvero speciale per i bambini e le bambine delle classi seconde, che, all’arrivo in classe, hanno ricevuto una visita inaspettata: i compagni delle quarte sono venuti a trovarli per regalare loro una tavoletta di cioccolato. I bambini non hanno perso tempo: scartata la cioccolata, con grande stupore hanno visto spuntare un golden ticket, biglietto di ingresso nella famosa “fabbrica di cioccolato”. Qui hanno potuto conoscere Charlie, Willy Wonka e suoi simpatici aiutanti che li hanno introdotti nel magico mondo raccontato da Roald Dahl. Un’esperienza davvero emozionante: ora i bambini e le loro maestre sono curiosi di dare inizio alla lettura del libro.

Ancora una volta il linguaggio della drammatizzazione si è rivelato un prezioso strumento per favorire il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei bambini nel mondo della letteratura.

Primaria. Di coltura in cultura: la vendemmia

Il 3 ottobre, in un paesino della bergamasca, nella Cascina dei Prati, i bambini delle classi seconde, armati di forbici, cestelli e buona volontà, si sono tramutati in novelli contadini e viticoltori per imparare l’antica arte della vendemmia. Dopo aver osservato da vicino la vite e le sue parti, si sono disposti a coppie tra filari ordinati di uve merlot e hanno raccolto grappoli di acini rosseggianti, riempiendo le ceste fino all’orlo.

Una gustosa pausa con pane e marmellata per poi rimettersi al lavoro nella complessa fase della pigiatura: è qui che l’intervento dell’uomo permette all’uva di trasformarsi, cambiando il suo stato da solido a liquido. Pestando nella tinozza a ritmo gli acini raccolti, del grappolo d’uva non resta che il raspo sapientemente tolto per avviarsi alla lunga fase della fermentazione. Per ogni cambiamento c’è sempre bisogno del signor Tempo che a suo tempo completa l’opera iniziata dall’uomo. Non ci resta dunque che aspettare con pazienza per fare il nostro “Cin Cin”!

Primaria. Grande festa di benvenuto per le classi prime

Un bel giorno di festa per i bambini delle classi prime della scuola primaria!

La mattina di giovedì sono stati accolti in cortile con un clamoroso applauso dai compagni di tutte le classi e dai maestri. Pieni di stupore ed entusiasmo, gli alunni hanno assistito a uno spettacolo a cui hanno partecipato attivamente con canti, balli, filastrocche, poesie e tante risate.

Grazie alla storia drammatizzata, intitolata La fabbrica delle parole, tutti hanno potuto capire quanto sia importante usare bene le parole per conoscere meglio noi stessi e ciò che ci circonda. Infine, i ragazzi di quinta hanno “preso per mano” i più piccoli, accompagnandoli in un momento di gioco insieme con staffette e percorsi.

Vai alla Gallery