Articoli

Secondaria I grado – Soggiorno studio a Bury St Edmunds 2018

– DIARIO DI BORDO

Bury St. Edmunds, ultima parte

Anche quest’anno il nostro soggiorno studio Bury St. Edmunds si è conclusa con il tradizionale rilascio degli attestati. I ragazzi sono molto soddisfatti dei vari aspetti del nostro soggiorno, dalle famiglie ai contenuti dei corsi: To pig out, to put a sock in it, to be as strong as an ox e tante altre espressioni e modi di dire, sono un bagaglio che speriamo possa arricchire ulteriormente il nostro bagaglio lessicale.

Le conversazioni e i “debates” hanno certamente favorito la capacità di comunicazione dei ragazzi che dopo la prima settimana di ambientamento alla scuola e al diverso stile di vita (forse anche al cibo!), nella seconda settimana hanno preso maggiore confidenza e si sono “lanciati” sempre di più nei loro dialoghi.

Vi ringraziamo per avere seguito il nostro cammino e … see you here again next year!

Vai alla Gallery per scoprire le immagini.

Bury St. Edmunds, parte sesta

La nostra permanenza a Bury prosegue e iniziamo a intravedere il traguardo del ritorno a casa. Ieri pomeriggio abbiamo visitato la Christchurch Mansion House di Ipswich, dove i ragazzi (sapientemente divisi in gruppi dalla nazionalità mista) hanno cercato delle informazioni per completare un compito loro affidato.

Anche le lezioni proseguono regolarmente, con alcuni alunni che si stanno distinguendo per la loro capacità di interagire con il docente e per l’acquisizione del lessico. Oggi una classe ha incontrato anche idioms molto divertenti e che certamente rimarranno loro in mente: to pig out, the lights are on but nobody is at home, to drink like a fish, everything but the kitchen sink e altri. Per favorire l’acquisizione progressiva del lessico incontrato in classe, continua la richiesta di presentare ogni giorno almeno 20 nuove parole incontrate nel corso delle lezioni o in famiglia.

Vi daremo altre nostre notizie prima di tornare a casa, attendendo i certificati finali con i livelli del corso seguito dai ragazzi.

Bury St. Edmunds, parte quinta

Con la gita a Londra si è conclusa la prima settimana del soggiorno studio dei ragazzi di terza media a Bury. I ragazzi sono entusiasti delle famiglie che li hanno accolti e continuano a coinvolgerli nelle loro attività e a tavola. Inoltre, il primo ciclo di lezioni si è concluso con il level test che ha dato buonissimi risultati, tra i periodi ipotetici e i compound nouns e phrasal verbs… E dopo il duro lavoro della prima settimana, nel weekend un po’ di svago con la gita a Londra (immancabili il British Museum e lo shopping a Piccadilly) e il bowling.

Continuate a seguirci, noi non mancheremo di darvi nostre notizie!

Bury St. Edmunds, parte quarta

Anche i ragazzi di terza hanno iniziato la loro esperienza di soggiorno studio a Bury. Accolti dalle famiglie con affetto e grande attenzione, i ragazzi si sono subito accorti di una novità al loro arrivo: il clima incredibilmente quasi “estivo” che ci ha accompagnati per tutta la prima settimana. Questo ha favorito l’avvio positivo delle varie attività che i ragazzi hanno svolto: l’uscita a Duxford per visitare il museo aeronautico, con numerosi aerei civili ma soprattutto dalla prima e seconda guerra mondiale, il pomeriggio sportivo, le attività serali in città.

I corsi cui prendono parte i nostri studenti sono principalmente di livello avanzato, il che conferma la bontà del percorso curricolare che la nostra scuola ha proposto e di cui i ragazzi possono raccogliere i frutti con piena soddisfazione.

Continuate a seguirci in questa nostra avventura, non mancheremo di mandarvi aggiornamenti!


Bury St. Edmunds, parte terza

È terminata anche la seconda settimana del nostro soggiorno studio. Le attività si sono susseguite, da classi di baking a lezioni di teatro, fino a presentazioni orali nelle classi dei corsi più avanzati. I ragazzi sono andati in visita al Museo storico di Bury, in centro città, e al centro ippico di Newmarket, località incentrata sullo sport dell’ippica (tanto che i cavalli hanno diritto di precedenza agli incroci!).

Due pomeriggi sono stati invece dedicati agli sport all’aperto, con tornei di pallavolo e partite a calcio, nonostante il notevole e inaspettato caldo abbia reso le partite più brevi del previsto. Il bel tempo è stata una costante in questa ultima settimana a Bury per accompagnare i ragazzi in questa bellissima esperienza. Ne è valsa la pena!


Bury St. Edmunds, parte seconda 

Si è conclusa la prima settimana di vacanza studio dei ragazzi di prima e seconda media della Scuola Secondaria di Primo Grado Tommaso Moro presso Bury St Edmunds, cittadina inglese a nord est di Londra.

Sono stati giorni all’insegna dell’impegno durante le lezioni mattutine presso la locale scuola di lingua BLS, ma anche di svago e divertimento nelle varie attività pomeridiane: martedì i ragazzi hanno potuto visitare un antico villaggio anglosassone e vederne il museo, sulla cui storia si erano preparati nelle lezioni al mattino con i loro docenti inglesi. Mercoledì hanno potuto intervistare gli abitanti di Bury per un’attività pomeridiana al mercato locale, parlando con loro e facendo domande in prima persona.

La gita più apprezzata è stata sicuramente quella nella capitale inglese, Londra, che i ragazzi hanno visitato, accompagnati dalle docenti italiane e inglesi, nella giornata di sabato. Nonostante il gran numero di turisti per le strade della città, i ragazzi hanno rispettato l’itinerario proposto, che li ha portati per le vie e luoghi londinesi più famosi e suggestivi, da London Eye, per scattare le foto di rito, al Big Ben (purtroppo coperto dalle impalcature per il restauro che lo vede coinvolto) a St James Park fino a Trafalgar Square, passando per Regent’s Street, Piccadilly Circus e Oxford Street, per terminare la visita al British Museum, celebre museo di cultura, che ospita tra le innumerevoli meraviglie la stele di Rosetta e i fregi del Partenone.

Nella giornata di domenica, i ragazzi hanno trascorso del tempo nelle famiglie ospitanti per vivere una tipica domenica inglese all’insegna del barbecue o del Sunday roast.
Ora siamo pronti a cominciare la seconda settimana, con sempre maggiori sicurezze sulle nostre capacità linguistiche.

Vai alla Gallery per scoprire le immagini.

 

Bury St. Edmunds, parte prima

Il soggiorno studio dei ragazzi di prima e seconda media ha preso il via domenica 17 giugno. Le famiglie si sono mostrate tutte accoglienti, cercando di non far sentire i ragazzi homesick, malinconici di casa. E ce l’hanno fatta!
I nostri alunni sono stati suddivisi a seconda del livello del test e delle indicazioni date dai docenti accompagnatori. Le classi non superano mai i quindici elementi, e al momento a fare compagnia ai nostri ragazzi ci sono degli italiani, spagnoli e ucraini.
Hanno preso il via anche le attività pomeridiane, quindi si alternano lezioni di stampo comunicativo a escursioni. Trovate infatti delle fotografie che testimoniano l’uscita di ieri al più antico villaggio anglosassone, West Stow, dove i ragazzi sono tornati indietro nel tempo, lavorando anche su una scheda fornita per la raccolta di informazioni.
Alla prossima tappa e continuate a seguirci a distanza!

Vai alla Gallery per scoprire le immagini.

 

Secondaria I grado – Corso di introduzione al latino

La fondazione Grossman ha offerto un Corso di introduzione al latino ai ragazzi che frequentano le classi terze, tenuto dalla prof. Villella, insegnante di latino e greco nei Licei della Fondazione.

Per i ventuno ragazzi iscritti le tredici lezioni pomeridiane sono state un’occasione di fare la conoscenza di una nuova lingua, che nonostante sia l’antenata della nostra, abbiamo scoperto essere anche profondamente diversa. Attraverso una modalità laboratoriale, a partire dal latino che ci circonda, i ragazzi hanno potuto apprendere in classe, fino a leggere un fumetto e a studiare la I declinazione e qualche verbo.

Il corso si è dipanato all’insegna dello stupore, man mano che ci accorgevamo delle nostre scoperte, a partire dalla semplice ma leale osservazione dei dati: per esempio, che il latino non ha bisogno di disporre le parole in un ordine preciso, ma che ogni funzione, come il soggetto o l’oggetto, è comunicata dalla terminazione della parola stessa. Abbiamo scoperto che, proprio per questo, il nome “cambia il suo abito” a seconda della funzione che deve svolgere, esattamente come noi adeguiamo il nostro abbigliamento all’attività che dobbiamo praticare.

Abbiamo scoperto parentele e punti di contatto tra il latino e le altre lingue che conosciamo (italiano, inglese, spagnolo), abbiamo ricostruito etimologie fino a capire il significato dei nomi dei personaggi e delle formule magiche di Harry Potter, che sono quasi tutti tratti dal latino; abbiamo intravisto la bellezza di una lingua che parte dalla concretezza della realtà per esprimere tutte le sue sfaccettature, anche quelle più astratte, comunicando il significato in modo straordinariamente sintetico.

Per tutti un invito a conoscere e studiare questa lingua per incontrare il popolo che se ne è servito per secoli.

Ma forse le parole più significative sono proprio quelle che questi latinisti in erba hanno usato per dare il proprio giudizio a conclusione del corso:

Il corso di latino è stato un’opportunità a parer mio molto bella, che mi ha introdotto al lavoro dell’anno prossimo. Ho imparato molte cose e sono grata di questo. (Lucia)

Penso che il corso sia stato utile perché mi ha permesso di “entrare” nel latino. (Emma)

Ho imparato molte cose sull’italiano che usiamo ora. I punti di forza sono i verbi, perché tutti, in classe, abbiamo avuto modo di impararli, come la prima declinazione. (Gaia)

Questo corso l’ho preso come una sfida personale. Punti di forza sono state le lingue neolatine e le cose da imparare a memoria, perché ho una buona memoria; il punto di difficoltà è stato imparare le definizioni, perché non mi entravano in testa. (Marco)

Io penso che il corso di latino sia stato utile per capire meglio la lingua italiana, però mi sono trovata in difficoltà a studiare a memoria. (Elena)

Mi sono accorta, a differenza di quello che credevo, che conoscendo il latino sto veramente imparando molto meglio l’italiano e faccio meno fatica a distinguere le varie parti del discorso. La cosa che per me è stata difficile è imparare a memoria. (Arianna)

Secondaria I grado – Catalogo di arte “Io non copio, rubo”

I lavori di arte riprodotti in questo catalogo, che verrà consegnato insieme all’attestato d’esame, sono stati realizzati dai ragazzi delle classi terze C e D della scuola secondaria di primo grado San Tommaso Moro nel corso dell’anno scolastico 2017/18.

A ciascun ragazzo è stato chiesto di scegliere un’opera d’arte e di “rifarla”. Tale e quale all’originale. Stesse dimensioni, stessi materiali e stessa tecnica. Lo scopo è stato quello di immedesimarsi nel processo tecnico e creativo che ha portato alla realizzazione di quell’opera. Non solo di studiarla ma di capire attraverso il lavoro la poetica di un artista.

Scarica il catalogo Io non copio, rubo (versione pdf)

Secondaria I grado – Viaggio studio in Inghilterra 2017

– DIARIO DI BORDO

 

Bury St. Edmunds, si è concluso il soggiorno studio
Sabato 22 luglio ha avuto fine il nostro bellissimo soggiorno studio, con la consegna dei certificati e l’entusiasmo dei nostri 32 ragazzi che hanno vissuto un’esperienza realmente inglese, anche grazie all’accoglienza delle famiglie ospitanti che hanno accolto i nostri ragazzi come se fossero parte integrato delle loro stesse famiglie. Ad esempio, a riprova di questa accoglienza ricevuta, Riccardo e Giovanni portano a casa anche il segno concreto del loro soggiorno, ossia un album di fotografie che testimonia i vari momenti della vita in casa, dalle gite domenicali ai pasti … in English ovviamente.
Il livello dei corsi è stato modulato da A2 a B2/C1, con professionalità impeccabile da parte dei docenti.
Insomma, una esperienza che rimarrà quale piccolo ma significativo patrimonio nella mente di tutti i nostri alunni, pronti a ritornare il prossimo anno nella amata Bury!

A tutti coloro che ci hanno seguito buone vacanze e… passo e chiudo.

Prof. Lorenzo Bergamaschi

Vai alla Gallery per scoprire le immagini.

 

 

Bury St. Edmunds, days 8-10
La seconda settimana è arrivata già a metà e i ragazzi iniziano a vedere io traguardo del certificato che attesterà il lavoro serio, a tratti duro, ma certamente appagante di queste due settimane trascorse nella nostra casa Bury.
Le lezioni proseguono, tra visite in lingua (ad esempio ieri a Ely con il tour in lingua inglese della Cromwell’s House) e soprattutto nuove scoperte, lessicali, idiomatiche e legate a nuovi argomenti grammaticali.
Un ragazzo di seconda mi ha rivelato: “Prof. lo sa che in inglese esiste il terzo periodo ipotetico? E l’ho capito subito! Tim (l’insegnante del corso) è davvero coinvolgente!”
Ecco, questa è la esemplificazione che intendiamo proporre ai nostri ragazzi: una scoperta che ogni giorno allarghi la loro ragione ad accogliere la lingua e la cultura inglese.

Keep following us on our website and Facebook!

Prof. Lorenzo Bergamaschi

 

Bury St. Edmunds, days 4-7
Il nostro soggiorno ha visto concludersi la prima settimana.
I ragazzi, impegnati nel loro studio mattutino (e alcuni giorni anche pomeridiano) hanno effettuato il test di fine settimana e ora saranno riassegnati alle nuove classi per la seconda parte del corso. Nel frattempo, nel weekend ne abbiamo approfittato per una bellissima gita a Norwich, dove anche con dei quiz cui trovare risposta, i ragazzi hanno visitato prima il Castello e poi la Cattedrale. La domenica invece per la maggior parte dei ragazzi ha significato passare la giornata con le host families: Londra, barbecue, Cambridge. Chi è rimasto in paese, ha visto in anteprima (e rigorosamente in lingua) Despicable Me 3.
Insomma, tutto procede per il meglio e senza nemmeno pioggia di fatto! Siamo pronti per vivere al meglio la nostra seconda settimana.

Continuate a seguirci!

Prof. Lorenzo Bergamaschi

 

Bury St. Edmunds, days 1-3
Anche quest’anno, un grande numero di ragazzi della Scuola Secondaria di I grado della Fondazione Grossman ha aderito al soggiorno studio a Bury St. Edmunds.
Al solito, l’accoglienza da parte della scuola e delle famiglie è stata eccezionale. Tutti i ragazzi si sono sentiti subito comfortable e a casa, anche con apprezzabili miglioramenti nella qualità del cibo!!!
I nostri ragazzi sono stati divisi su tre livelli, e con soddisfazione molto di loro sono in classi di livello B2 e C1, ossia i livelli di First e Advanced. Questo conferma il lavoro che nella Secondaria di I grado da anni stiamo facendo sulla lingua.
Le lezioni danno numerosi spunti di crescita e miglioramento, soprattutto per quanto riguarda il lessico e la grammatica (ad esempio, future perfect continuous!!!).
Ci congediamo con alcune foto dalla visita al museo di aeronautica della base di Duxford, dove soprattutto i ragazzi di terza hanno potuto di fatto ripercorrere sul campo quanto studiato sui libri nel programma di storia.

Continuate a seguirci, noi daremo altre notizie da oltremanica.

Prof. Lorenzo Bergamaschi

 

 

 

Festa di fine anno 2017 – Licei Classico e Scientifico

Sabato 17 giugno siamo stati testimoni di un bellissimo momento di festa finale con alunni, professori e genitori dei nostri Licei Classico e Scientifico.
Il momento iniziale è stato la Santa Messa presso la Chiesa del Murialdo con il nostro carissimo amico Don Carlo Romagnoni che sempre ci accompagna come un padre.
La cena per tutti è stata allestita nel giardino della Fondazione con uno spazio speciale riservato ai ragazzi delle classi quinte e ai loro genitori.
A seguire è cominciata la festa con la musica dei ragazzi della band “PAJOLA&Co”. Sul palco insieme agli strepitosi presentatori “Igi&Capets” si sono esibite ballerine e avvicendati personaggi rilevanti che hanno lasciato un segno in questo anno scolastico.
Special Guest della serata è stato il professor Strippoli – ricercatore del Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale dell’Università di Bologna –  che i ragazzi dei Licei hanno incontrato nel su laboratorio dove studia con il suo gruppo di ricerca la Trisomia 21 (Sindrome di Down).
La sua ricerca è volta a identificare una cura per la disabilità intellettiva associata a tale sindrome, che rappresenta anche la più frequente anomalia genetica nell’uomo. Per questo, durante la serata, sono stati raccolti a titolo di donazione circa 2.000 euro!
La serata è proseguita con alcuni filmati relativi alle uscite didattiche dell’anno appena trascorso e con la premiazione dei Tornei sportivi della scuola che si sono svolti lo scorso 8 giugno.
Ai maturandi è stato dedicato un saluto con un filmato riassuntivo dei momenti salienti del loro percorso nei nostri Licei.

Vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione di questa bella serata, i ragazzi del COFFA (Comitato Organizzazione Festa Fine Anno) e tutti coloro che hanno partecipato.

Auguriamo un grande in bocca al lupo ai ragazzi delle classi quinte per gli esami di maturità e per tutti l’augurio di buone vacanze!

 

Clicca qui per vedere le immagini e i video preparati dai ragazzi

 

 

 

 

 

 

Infanzia – Una giornata in fattoria

Tutti i bambini della Scuola dell’Infanzia della Fondazione Grossman si sono recati in uscita presso la fattoria didattica “Le Cave del Ceppo” trascorrendo una bellissima giornata all’aperto, visitando gli animali della fattoria e attraversando il fiume Adda con il battello.
I bambini hanno potuto dar da mangiare agli asinelli e provato a mungere le caprette e durante il giro sul battello hanno conosciuto i nomi di alcuni animali selvatici che abitano in quella zona riconoscendoli al loro passaggio.

 

Vai alla Gallery per scoprire le immagini.

Primaria – Mostra finale classi quinte

“Nacque il tuo volto da ciò che fissavi” Karol Wojtyla

Le classi quinte della Scuola Primaria della Fondazione Grossman hanno concluso l’anno scolastico mostrando il percorso di osservazione e descrizione della figura umana svolto in classe nelle ore di arte e italiano.

L’Aula Magna è diventata una vera e propria galleria d’arte dove i ragazzi hanno presentato alle loro famiglie il frutto del loro lavoro. La scoperta più grande è stata verificare come l’imparare ad osservare porti ad imparare a disegnare.
L’osservazione è dunque, come ci insegna Leonardo da Vinci, un metodo di conoscenza!

 

Vai alla Gallery per scoprire le immagini e il video.

Licei Classico e Scientifico – Orientamento alla scelta universitaria 2017

È appena terminato il percorso di Orientamento universitario proposto agli alunni delle classi quarte e quinte dei Licei della Fondazione.
La scuola propone nell’arco di due anni un ciclo di almeno sei incontri che, toccando ambiti e tematiche differenti, nasce da domande dei ragazzi legate a specifiche esigenze didattiche trattate in classe o da domande personali.
Scopo di questi incontri è aiutare e sostenere gli studenti nell’importante fase della scelta della facoltà universitaria. Incontrando professionisti di vari settori, emerge la possibilità di scoprire e approfondire sempre di più che il nesso fra ciò che si studia quotidianamente in classe e  il mondo.
Lo scorso anno i ragazzi hanno avuto modo di ascoltare gli interventi di professionisti e studiosi legati al mondo umanistico e giuridico; quest’anno il percorso è proseguito accostandosi al mondo scientifico e sociale.

 

Il primo relatore di quest’anno è stato il prof. Marco Fattore, Ricercatore e Docente in Statistica e Data Science al Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi all’Università di Milano-Bicocca.
A partire da contenuti specifici dalla facoltà di Statistica, il prof. Fattore è stato in grado di aiutare i ragazzi a leggere tanti dati ai quali molto spesso non prestiamo la dovuta attenzione, ma che tuttavia sono elementi fondamentali nella nostra esperienza quotidiana per la comprensione del mondo e della sua complessità.

 

Nel secondo appuntamento i ragazzi hanno incontrato l’ing. Paolo Morlacchi, ingegnere civile.
Nel corso del suo intervento, grazie al racconto della carriera universitaria e professionale e ad utili esempi di interventi reali vissuti “sul campo” dallo stesso relatore e corredati da fotografie e video, l’ing. Morlacchi ha illustrato ai ragazzi ciò in cui consiste il lavoro di un ingegnere civile, chiamato a essere utile al mondo attraverso la paziente opera di costruzione di infrastrutture.

 

Nel terzo ed ultimo appuntamento i ragazzi hanno incontrato la prof.ssa Ivana Pais, docente associata di Sociologia economica nella Facoltà di Economia dell’Università Cattolica di Milano.
La prof.ssa Pais, studiosa di nuove forme del lavoro nell’economia digitale, ha affrontato il tema della sharing economy, a partire dagli studi condotti nella metà del secolo scorso da Karl Polanyi e le sue tre forme di integrazione tra economia e società, passando per la nuova fase della crisi economica del 2008, fino all’attuale situazione dei giorni d’oggi.

 

 

Clicca di seguito per scoprire i racconti dei ragazzi:

-Incontro con Marco Fattore

-Incontro con Paolo Morlacchi

-Incontro con Ivana Pais

 

 

 

 

Festa di fine anno 2017 – Infanzia, Primaria, Secondaria I grado

Sabato 27 maggio si è tenuta la festa di fine anno scolastico delle Scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado!

 

Clicca qui per vedere le immagini

 

 

 

 

 

 

Secondaria I grado – Uscita didattica a Cremona

Il lavoro ben fatto

Come si costruisce una campana? E un violino?
Non ci si può recare a Cremona senza porsi queste domande e trovare chi, con passione per il proprio mestiere e per la tradizione in cui è cresciuto, può aiutare a rispondere.
Così l’uscita didattica delle quattro classi prime della Scuola Secondaria di I grado è stata un tuffo nelle tradizioni che hanno reso Cremona fam
osa in tutto il mondo ed un momento di incontro con veri artigiani ed artisti. Una tappa fondamentale è stata la fonderia Allanconi dove Emanuele ha guidato i ragazzi alla scoperta delle delicate fasi di produzione di una campana, fino ad ascoltarne e produrne il suono.
A seguire le classi hanno potuto visitare una bottega di un liutaio, vedere come da diverse essenze legnose si possa arrivare a creare un violino con strumenti che in parte ricordano quelli utilizzati in laboratorio di tecnologia. 
Ed infine una visita al centro storico della città per vederne la piazza del Duomo ed immedesimarsi nella storia di un comune medievale.
Ogni momento è stato oggetto di lavoro grazie ad un libretto preparato ad hoc dagli insegnanti che ha permesso di porre domande non solo nelle b
otteghe o alla fonderia, ma ai Cremonesi che, fieri della propria storia, non si sono tirati indietro!
Chi è Sant’Omobono? 
E la Bertazzola?
Chiedetelo ai Cremonesi o, ancor meglio, ai nostri ragazzi, ormai esperti!

 

Vai alla Gallery per scoprire le immagini e il video.

 

Gallerie